Articles, Blog

Il GASOLIO ⛽ e IL VERO PROBLEMA delle BATTERIE 🔋 nelle AUTO ELETTRICHE !

February 13, 2020


hi everybody, in your opinion why the best automotive brands in the world are investing in the thermal engine again ? Do you think they’re right? maybe in this video we will talk aboutproblems between battery and thermal engine the purpose of this video is not to let you buy an electric car, in fact I have one and I’m really very happy but I just want to talk to you about the two types of cars and why it’s still useful to improve the thermal engine the most frequent comment is “but where do you want to go with those cars that pollute and have little autonomythe” so this video is an explanation for you I remind you to subscribe to the channel and if you want to join the telegram group or follow me on social now let’s talk about the greatest diffiability….. battery that is, the energy in the battery compared to that in the fuel tank so a litre of diesel is about 10kw/h but they’re only 3.5kw/h because of the poor a litre of diesel weighs about 750 grams You have already understood what I mean 75kw battery (of my model 3) we need to do 75kwh/3,5=21 21 are the liters of petrol equivalent to a 75kwh battery which is a battery with a lot of range now, 21×750=15750 15750 grams=15,75kg and here we have already understood what the big problem with electric cars is, weight a car with 15 Kg of petrol does the same autonomy as a car with 75 kw of battery. forget about all types of prices that gasoline or electricity can have (also becouse not all cars have stert and stop) the biggest problem In addition to weight is Volume 15kg of petrol can fit in a small Volume But a 75kw/h battery is a lot bigger. all electric car manufacturers outside of Tesla have major engineering problems with where to put these batteries becouse to have a big range the battery need to be bigger, the motors need to be efficient and the car need to be comfortable etc.. that’s why Tesla Tesla far ahead of the others becouse the others need to find a soluction to this problem a single cell in a battery has a maximum energy density of 650 wh to make a 75kwh battery you need 115 cell imagine the volume of these cells as a square you need a lot of these and this on the left is the tank for 15kg of petrol So, the Volume is important, so, to make a “good” electric car you need to have a lot of Volume for the battery so the car is big, or you can use the Trunk Volume but than you can’t use it the bigger the vehicles the bigger the batteries for example Model S model x have a battery up to 100 kWh while model 3 which is smaller at most has a battery of 75 kwh technology is being developed to be able to solve the problem of the battery Volume of electric cars that are their main problem it’s very strange that a liter of petrol is as “big” as 3,5kwh also becouse the cell aren’t “liquid”, itcan be stored in different ways and you can’t create just one big battery of little cells, you need to separate them for security reasons Usually electric cars wheight a lot more tha normal cars becouse there’s a battery, the energy density of a lithium battery is around 240wh/kg so, a 75kw/h battery should wheight around 312kg BUT there isn’t just the cell, there is also all the metallic part of the battery that weighs around 650kg (on a model 3) inside there are also various types of components that increase the weight, for example the coolant let’s imagine these batteries of this historical moment used in another way, for example in planes we would have a very heavy plane with little Volume that can carry few people is most likely would like for a short trip therefore in this historical moment batteries can be used only on cars and not on major transport applications The good news is that the battery technology is evolving very quickly and by the end of this year I have the next few years that the battery may also decrease the future will also use solid state batteries that will allow us to halve the size of the batteries But it will always be difficult to reach the size that petrol requires which is why many car manufacturers are investing in internal combustion engine innovation ok, now we can talk about costs, buying an electric car at the moment costs € 10,000 more than buying a car in the same segment if nobody buys the electric car for this reason, obviously less will be produced and therefore the cost will remain the same the more electric cars are produced the more electric cars will be sold the more the search will be better and the longer the batteries will last longer and cost less in my opinion in 5 years we would have cheaper, smaller and lighter electric cars I don’t think people don’t buy them, not because they cost more so that’s not the problem of EVs for now The car is still a personal object and not a thing that transports us from one point to a point B that can be used by anyone if everyone thought about how much it costs to have a powerful car for example Ferrari Lamborghini I think we will all be with a Fiat Panda let’s try to talk a little about the environment a study says that around 2 or 3 billion cars will be sold between now and 2045 while selling those cars, why not improve it? so I believe that the development of heat engines also serves something This video is for people who have doubts or people who don’t understand why electric cars have not yet broken through the market well, these are my ideas Leave a LIKE, a COMMENT SUBSCRIBE to the channel if you want to buy a new tesla, use my refferal code to get 1500km of FREE supercharging For today it’s all, see you in the next video! BYE LIVE EVERY SUNDAY AT 9PM. (GMT+1)

100 Comments

  • Reply MatteoValenza February 11, 2020 at 9:49 am

    Per usufruire di uno sconto su un acquisto di una Tesla utilizza il codice sconto qui sotto :

    https://ts.la/matteo27396 , Se hai domande scrivi nei commenti oppure contattami su http://bit.ly/MatteoValenza_instagram e sul gruppo telegram http://bit.ly/MatteoValenzaTelegram

  • Reply Marco Chiado February 11, 2020 at 2:55 pm

    Preparato, obiettivo e sincero . Hai tutta la mia stima bro..
    ..anche se io sono pro diesel tutta la vita 👍

  • Reply Gabriele Nob February 11, 2020 at 3:09 pm

    Ma cosa sta facendo il pc dietro?😂🤣

  • Reply SEBA STIANO February 11, 2020 at 3:11 pm

    Meglio di cosi non si potevi spiegare la limitazione del full elettrico peso e km chi sa magari in un futuro una tesla ibrido diesel,passi in avanti x il gasolio se ne fatti da i primi 2Ll da 90 cv a quelli di oggi da oltre 200cv

  • Reply Simone Miotto February 11, 2020 at 3:13 pm

    Mi hai battuto sul tempo, stavo per scrivere un articolo simile per un blog! Comunque ottimo perchè si trovano altre spiegazioni simili ma quasi tutto in lingua inglese e con considerazioni fatte col sistema imperiale (ehh… e sarebbero anche la prima superpotenza, coi loro galloni, piedi, pollici, once… Manco multipli tra loro…) quindi per la divulgazione è un contributo notevole, soprattutto perchè fatto da un Teslaro (che nell'immaginario collettivo è un fighetto annoiato che si sollazza con un costoso gadget giustificato da un debole pretesto ecologista). Aggiungerei un elemento, che poco influisce nell'economia del discorso ma fa grattare qualche punticino alle nostre beniamine a batteria: il litro di gasolio che menzioni come unità di misura, per essere un litro "alla pompa" vuol dire che si è partiti da una quantità maggiore. Mi spiego, la filiera dei carburanti si compone di estrazione, raffinazione, distribuzione. Calcolare l'efficienza di questo processo è cosa assai ardua ma si potrebbe verosimilmente attestare attorno all'80%, in media. Chiaro che il litro della pompa a Mestre è sicuramente più green del litro alla pompa di Bolzano perchè non ha fatto il viaggio in cisterna, quindi le variabili sono tantissime e chi millanta percentuali al decimo a riguardo, sicuramente se le inventa. Bisogna "tagliarla grossa", per capirci. Sicchè al già scarso 35% di resa di un ICE sarebbe da sottrarre anche il debito acquisito dalla filiera. Non cambia molto ma se pensiamo a quanto più efficiente sia la rete di distribuzione della corrente e quanto margine di miglioramento possiamo ottenere con la sostituzione nel tempo delle vecchie infrastrutture, il gap pian piano si riduce. Mi piacerebbe però fare un ragionamento di tipo "socio psicologico" sul perchè l'elettrificazione dell'automotive sia così polarizzante. Ok, i pro hanno tante ragioni tra le quali anche il sano entusiasmo, ma i contro? Perchè accanirsi su un qualcosa che alla peggio puoi semplicemente ignorare? In questo periodo ho a che fare anche con un paio di personaggi complottisti. Nella fattispecie negazionisti dell'allunaggio che ce l'hanno con me perchè da appassionato all'argomento penso di avere parecchie nozioni. perchè? Perchè c'è qualcuno che vuole a tutti i costi negare la più grande impresa dell'umanità, invece di emozionarsi ogni volta che vede il filmato del Saturn V che decolla? E se avessero ragione? Ok, medaglia di cartone, E QUINDI? Perchè voler essere contro, ma così contro alle cose, da diventare aggressivi, da attaccare per primi? Vedo nei confronti del mondo dell'elettrico lo stesso atteggiamento (ogni riferimento a un certo canale YT e gruppi vari è puramente casuale). Ho gente che sapendo da che parte pendo mi gira ogni giorno articoli strafake sul fallimento di Tesla, su Elon Musk che fa cose strane, su presunte truffe legate a questo mondo. Perchè? Io non vado a fare la morale a tutti gli alfisti che incrocio… Boh, non è questione di vittimismo, almeno, non credo. (PS: la Panda consuma come un MIG, non la terrei come termine di paragone!)

  • Reply H. February 11, 2020 at 3:13 pm

    Ciao, mi fa piacere che questi argomenti vengano presi in esame da qualcuno " di parte ", qualcuno che potrebbe far finta che vada tutto bene e che l' elettrico sia la panacea di tutti i mali.
    C' è però un punto sul quale devo dissentire: non è vero che l' accumulo energetico sta facendo grossi passi avanti. Il fatto che vengano investite grosse quantità di denaro e che il settore sia in espansione non significa automaticamente che ci siano i risultati. Anzi, dovendo essere onesti, è da qualche decennio che i progressi in questo ambito sono infinitesimali e comunque non impattanti sulla problematica ( gamechanger).

    Il litio impone delle limitazioni piuttosto evidenti, limitazioni che lo rendono totalmente inadatto per questo utilizzo:
    – peso, un' auto come la tua muove una batteria corrispondente a 7 passeggeri. La grande efficienza del motore elettrico è gettata al vento dal peso del veicolo: dato che il costo dell' energia è proporzionale alla richiesta energetica totale è impensabile sacrificare la potenza per muovere 500kg in più;
    – curva di ricarica: i veicoli elettrici hanno ragion d' essere se ricaricati a casa questo perché non è possibile, sia in termini di costi che di tempistiche, l' idea di coprire la richiesta energetica tramite colonnine. A causa della curva di ricarica delle batterie al litio, ricarica che non è costante e che vincola le soste, è impossibile utilizzare le colonnine per dei rabbocchi veloci. Solo con un tipo di accumulo differente, accumulo sfruttabile in maniera lineare dallo 0 al 100%, le colonnine potranno integrare la ricarica casalinga. QUalcuno in questo ambito arriva a sacrificare il proprio tempo per star dietro al proprio mezzo di locomozione: sì perché, sia che si chiami Panda che Tesla model s, sempre una macchina rimane.

    Ci sono poi dei punti che, personalmente, ritengo secondari ma che non si possono ignorare: dissipazione delle batterie, cicli di vita ed il riciclo.
    Per me l' elettrico nascerà solo con la morte delle batterie al litio. Oggi si cerca di fare le nozze coi fichi secchi.

  • Reply Mirko February 11, 2020 at 3:30 pm

    Bravo Matteo. Sono ibridista potenzialmente passante ad elettrico puro. Almeno sei obiettivo. Grande

  • Reply Marcello Sciannarella February 11, 2020 at 3:48 pm

    Sempre top!! Però detta così sembra quasi meglio un diesel 😂 , ma in realtà ci sono molti ma molti vantaggi ad avere in elettrica

  • Reply Silvio Bressani February 11, 2020 at 3:54 pm

    Bel Video complimenti come al solito, non hai parlato dei costi e del solo carburate.. per fortuna altrimenti tutti a comprare le termiche…..

    Se mi posso permette ti segnalo questo video di un ingegnere che fà anche un pò di conti alla mano…

    https://www.youtube.com/watch?v=563TATKiqkM

  • Reply SMAT82 February 11, 2020 at 3:57 pm

    se poi fai il calcolo del costo di 15 litri di gasolio e 75kw ti accorgi che non conviene neanche a livello economico ,senza contare che le batterie si usurano nel tempo …

  • Reply Giorgio Brigo February 11, 2020 at 4:04 pm

    Io la vedo con i numeri. Una Model s 6 anni fa costava 120k ed aveva 60kw, oggi compriamo una Model 3 con 60k e con 75Kw con 400 kg in meno, nel 2025 facilmente vedremo un Model 2 con 30k e 90 kw.e altri 300 Kg in meno di peso. il progresso potrebbe proprio essere in questi termini. Su tutto poi prevale una regola che è quella dell'inquinamento rispetto al termico

  • Reply marco barbieri February 11, 2020 at 4:21 pm

    che sei una persona intelligente lo ho sempre saputo, analisi quasi perfetta, hai soo tralasciato la complessita' e il peso di motori a combustione interna, ma finalmente un teslaro che non e' invasato

  • Reply claudio ma February 11, 2020 at 4:42 pm

    Occhio che sulla pagina FB di "Teslaowneritalia" sono stato bannato per molto meno.. 😉 complimenti per l'onestà intellettuale

  • Reply marcello bianchi February 11, 2020 at 4:53 pm

    cambia poco comunque il gasolio pesa circa 830-860 gr/l, quindi vai a 18kg, ma il discorso non cambia

  • Reply Marco Tutorial February 11, 2020 at 5:00 pm

    7:12 noooo ti sei messo a disegnarle tutte 😂🥵🥵

  • Reply Luca Abra February 11, 2020 at 5:16 pm

    Grande matteo continua così ….👍👍👍

  • Reply Alessio Evangelisti February 11, 2020 at 5:23 pm

    Ok, bel video e logico. La matematica infatti non mente. E chi, da utilizzatore del 900 dell’auto termica (una stufa a 4 ruote dove il 75% del combustibile bruciato è calore) tipo quello sudato del garagino, è gente con una visione della mobilità limitata. Come dire che la barca a vela non la vuole nessuno perché è impossibile fare una petroliera a vela. Certo le barche a vela e a motore hanno usi e scopi diversi ma l’una non esclude l’altra.

    Sempre in tema di quello che dici ti metto qui un post (solo per fare un’altra riflessione) che feci nella mia pagina nel 2018 e riscosse un po’ di curiosità:

    Ci indigniamo e ce ne freghiamo

    Finalmente quest'anno abbiamo trovato il leitmotiv dell'estate che riguarderà la plastica negli oceani.
    Certo è importante sollevare il problema ed è fondamentale che se ne parli anche se tutti gli studi ci mostrano che ormai siamo arrivati troppo tardi.

    Ci illudiamo di salvare il pianeta facendo la raccolta differenziata, andando a prendere l'acqua del rubinetto di casa alla fontanella che una società privata ha costruito a nome del Comune, magari utilizzando l'auto buttando in atmosfera quintali di CO2, andiamo una volta all'anno a raccogliere cartacce sui cigli della strada, ecc.

    Tutti palliativi che ci fanno stare in pace con la nostra coscienza ma poi i veri investimenti che potrebbero davvero fare la differenza al livello globale, li lasciamo decidere al caso o alla moda del momento. Secondo gli ultimi studi sulle abitudini degli italiani, il cittadino medio si indebita per almeno due significativi investimenti nella vita: la casa e l'auto.

    Ma quanta plastica producono questi due investimenti?

    Da un barile di petrolio, si possono ricavare ben 1.750 bottiglie di plastica da un litro e mezzo, quelle comunemente usate per acqua minerale e bibite. Un barile contiene, infatti, convenzionalmente 159 litri di greggio, pari a circa 135 chili.

    Servono all'incirca 2 chili di petrolio per fare 1 kg di plastica per alimenti (Pet). Quindi da un barile di petrolio si ricavano circa 70 chili di Pet. Tenuto conto che una bottiglia da un litro e mezzo pesa circa 40 grammi, da un barile si possono produrre qualcosa come 1.750 bottiglie.

    Metà del barile finisce in carburanti; secondo alcune stime di tecnici del settore, da un barile si ricavano circa 50 litri di benzina e altrettanti di gasolio. I carburanti da soli rappresentano il 55% del barile di petrolio: il 23% diventa gasolio auto mentre un altro 22% benzina. Segue l'olio combustibile (20%) per utilizzi industriali o per la produzione elettrica. Un altro 10% serve per il gasolio riscaldamento mentre un altro 7% è destinato alla produzione di kerosene, il cosiddetto jet-fuel per i trasporti aerei commerciali e militari. Un altro 5% viene usato poi per ricavare gpl auto e riscaldamento mentre una quota uguale è destinata ai bitumi (il materiale, ad esempio, per realizzare gli asfalti) mentre il 3% del barile serve per i lubrificanti. A completare l'utilizzo c'è poi un'altra quota, intorno al 5%, di uso delle raffinerie, gli impianti cioè di trasformazione dell'oro nero in prodotti lavorati.

    Un barile vale 1.650 Kwh; tenuto conto che un barile contiene 159 litri, in termini energetici il suo valore è di circa 1.650 chilowattora. Visto che il consumo medio mensile di una famiglia è di 225 chilowattora, un barile di petrolio corrisponde, all'incirca, ai consumi familiari in sette mesi e mezzo.

    Quindi, possiamo ridurre in modo significativo la plastica in mare nel giro di qualche decina d'anni, creando case ad energia quasi zero (15 Kwh/mq anno ovvero 150 Kwh all'anno per una casa da 100 mq).
    Una casa efficiente, dotata di un impianto da 3 Kwh, che nelle nostre zone produce 3.710 Kw/anno potrebbe davvero fare la differenza.

    Traducendo questi numeri con un semplice calcolo, si potrebbe pensare, in linea teorica, di alimentare la casa con energia prodotta dall'impianto e utilizzare la differenza (3560 Kw) per alimentare un'auto elettrica di medie dimensioni, che in media potrebbe ricaricare da zero circa 90 volte per una percorrenza teorica di circa 25.000 km/anno.

    Abbiamo fatto un calcolo puramente teorico, basato su un fabbricato di ultimissima generazione, ma non impossibile da realizzare, ottenendo come risultato il risparmio di 2,25 barili di petrolio in un anno, ovvero 3937 bottiglie di plastica in meno abbandonate in mare, senza contare le tonnellate di CO2 risparmiate.

  • Reply Walter Maffione February 11, 2020 at 5:31 pm

    Se vogliamo essere lungimiranti conviene comprare un gommone piuttosto che una macchina. L'ecosostenibilità dovrebbe essere l'aspetto fondamentale per la transizione da motore a scoppio ad elettrico. Innovazione porta innovazione, tecnologie per batterie sempre più efficienti arriveranno, ma finché si investe sul petrolio invece che in ricerca per migliorare l'elettrico e la sua produzione non si fa altro che peggiorare la situazione e allungare i tempi di transizione. La quale (vi piaccia o no) è necessaria per garantire un futuro alle prossime generazioni.

  • Reply Andrea February 11, 2020 at 5:40 pm

    Diesel gang 🚜🚜
    comunque complimenti per non essere uno di quei fessi che pensano che le auto elettriche siano l'unica cosa possibile.

  • Reply LA Recensione February 11, 2020 at 5:42 pm

    ciao matteo.. confermi ad ogni video il tuo essere laico e obbiettivo… sono un dei tanti che segue il tuo canale e quello di greg(visto che hai menzionato la parola TOMBINO) ed entrambi raccontate il proprio punto di vista chi in maniera più colorata… sono anche questi i video che apprezzo e che mi hanno portato a seguire anche il tuo canale e che seguo gni tuo video dall inizio alla fine… complimenti

  • Reply Vincenzo Marletta February 11, 2020 at 5:43 pm

    Ciao Matteo continua così 👍

  • Reply Gigi Stocchi February 11, 2020 at 5:47 pm

    Ma non è il volume il problema, lo spazio si trova, è il peso, è come se un'auto viaggiasse a pieno carico e con una vacca fissata al portapacchi. La Tesla è il più grosso problema non risolto omologato su strada. Penso che con il diesel si dovrebbe chiudere. Possono essere perfezionati i motori a benzina o ancora meglio a metano (poca CO2), con l'ausilio della tecnologia ibrida coadiuvata dal fotovoltaico….e con meno ansia di prestazione, l'importante è muoversi confortevolmente ed ecologicamente.

  • Reply Claudio Bartolini February 11, 2020 at 5:52 pm

    Se il progresso tecnologico per le batterie andrà di pari passo con quello di altri settori, tra cinque anni avremo auto elettriche con batterie dal doppio di capacità e metà del peso di oggi, tanto da rendere le auto attuali davvero anacronistiche. Realizzazione e costi dipendono ovviamente dal mercato e quest'ultimo dipende anche dagli incentivi governativi. Speriam bene, dai!

  • Reply Alessandro Eufremi February 11, 2020 at 6:02 pm

    Bene Matteo ottima spiegazione,i dubbi però ancora restano,energia per ricaricare ,stoccaggio fine vita batterie,non tutti se la possono permettere le tasse,ecc …la montagna è ancora alta,"il cane si morde la coda" haha che battuta,Ciaooo by Alex

  • Reply maurizio borghesi February 11, 2020 at 6:08 pm

    il problema principale e la ricarica

  • Reply Salvatore Porcu February 11, 2020 at 6:09 pm

    Per fare un auto elettrica che non consumasse mai dovrebbero fare: mettere due alternatori nelle ruote dove non c'è il motore elettrico, così mentre cammina ricarica un po' più le batterie, poi fare un tetto all'auto con i pannelli solari, così quando è ferma o anche mentre cammina con l'aiuto dell alternatori ricarica la batteria. Così c'è più autonomia e fai più chilometri! Non è male come idea 😜 in più ci metti che quando lasci l'acceleratore o freni rigenera un po' di energia. Secondo te potrebbe funzionare?? Ad esempio il mi zio sopra il camper ha 2 pannelli solari, (pagati 2500€),e le batterie di servizio non si scaricano mai. ( Le batterie di servizio sono 2 grandi come Gelli di un furgone )

  • Reply Claudio Cainelli February 11, 2020 at 6:11 pm

    Mi è piaciuto il tuo video con argomentazioni spiegate in maniera semplice e chiara.

  • Reply Ivan Da Ros February 11, 2020 at 6:15 pm

    Bravo! Meglio di cosi non si poteva spiegare. Io con la mia ragazza abbiamo avuto una Leaf a Roma. Ho esperimentato la tecnologia elettrica e lo scartata per ovvi motivi economici. Se vuoi te la spiego privatamente per darti spunti nei prossimi video….come vuoi….

  • Reply berpaniz February 11, 2020 at 6:25 pm

    C'è anche il problema della velocità di rifornimento, al distributore per fare 50l di Gasolio ci impieghi 3 minuti, cioè sono 50*3,5=175kWh di energia meccanica utile all'asse del motore a scoppio, un auto elettrica per ricaricarsi di altrettanto dovrebbe stare sotto carica a 175kW per 1 ora, oppure per impiegarci 3 minuti dovrebbe essere messa sotto carica a 3,5 MW. Secondo me il punto forte delle auto elettriche è quella di poter essere messe sotto carica ogni dove a bassissima potenza sfruttando il lunghi tempi in cui l'auto è parcheggiata.

  • Reply Salvatore Leccese February 11, 2020 at 6:34 pm

    Io dico: dove andate voi con quell’auto da 50k che per pagarla dovrei fare un mutuo?

  • Reply Marco Liccardo February 11, 2020 at 6:38 pm

    Complimenti video. Molto ben dettagliato! Bravo Matteo😉

  • Reply Mirko Cavalli February 11, 2020 at 6:40 pm

    2220 d.c Emissioni 0!

  • Reply Angelo Andrea Gabriele Caovilla February 11, 2020 at 6:57 pm

    ma i terminali dietro cosa stanno facendo? XD

  • Reply Eugenio Colombo February 11, 2020 at 7:03 pm

    Matteo per me il vero problema è il petrolio. Pensa alle accise su ogni litro di carburante più di 1 euro va allo stato perciò più macchine a batteria circolano e meno milioni di euro entrano nelle tasche dei governi. Poi le case vogliono sfruttare il motore a combustione più che possono, per avere maggiori profitti

  • Reply Matteo Tortello February 11, 2020 at 7:15 pm

    Solid state batteries…problem solved! ♻🔋👏💪🔝❤

  • Reply Peter Wizard February 11, 2020 at 7:15 pm

    Purtroppo il limite che impongono è che le batterie hanno poca potenza e poca autonomia… Sicuramente ci sono stati già studi per aumentare la capacità delle batterie ma porterebbe a troppi svantaggi alle grandi aziende…
    Figuriamoci se non andrebbe a ruba anche solo un semplice cellulare con una batteria che dura 5 anni senza mai caricarlo… Non dico di usare reattori nucleari o plutonio… Ma una evoluzione delle batterie è sicuramente fattibile… Ma solo in teoria…
    Le batterie sono rimaste praticamente uguali a 60 anni fa… È una presa per i fondelli… Purtroppo…
    Detto questo ottimo video molto chiaro e senza fronzoli… Continua così
    👍🏼👍🏼👍🏼

  • Reply Rock Addiction February 11, 2020 at 7:18 pm

    Ho un turbo benzina con un serbatoio da 62 litri. 17 km litro. Rifornimento fatto oggi di 75 euro( 48 litri circa.)Tempo di rifornimento 4 minuti. Tra 800/900 km riandrò dal solito benzinaio e ci perderò altri 4 minuti. Ecco perché sopravviveranno le termiche, semplicemente perché è la macchina che si deve adattare a noi e non viceversa. Non ha senso progettare un itinerario in base ai punti di ricarica e attendere un eternità per poter ripartire. Manco se me la regalano !

  • Reply Mario Vietri February 11, 2020 at 7:52 pm

    I diesel sono ancora richiesti perché il costo di esercizio è relativamente basso. Infatti fra l'altro, le accise complessive per il gasolio sono inferiori di quelle per la benzina. Le vendite delle auto elettriche non sono ancora decollate perché le infrastrutture sono ancora scarse, Tesla a parte.

  • Reply megathema February 11, 2020 at 8:19 pm

    Un problema grande che rallenta la diffusione dell'elettrico è il collasso a cui andrebbe incontro il mondo dei ricambi

  • Reply Pala Kart Parma February 11, 2020 at 8:22 pm

    La model 3 long range fa 6 km con un kwh, se un litro di gasolio sarebbe paragonabile a 3,5 kwh stiamo parlando di un diesel da 450 cv che accelera da 0 a 100 in 4,5" e che consuma andando normalmente senza spingere 21 Km/l, direi che realisticamente potrebbe consumare la metà per esperienza.

  • Reply parakito67 February 11, 2020 at 8:32 pm

    Piccolo appunto Matteo , per avere disponibili per uso 75kw , serve una batteria del 20% in più , non di usa mai il totale delle batterie litio pena danneggiamento delle stesse .

  • Reply ZapaNikon February 11, 2020 at 8:53 pm

    Tutto giusti Matteo, ma più che la capacità energetico/volumetrica, dovresti considerare anche il fattore economico. Io metto sempre 50€ di gasolio, ma faccio sempre meno chilometri.
    Io purtroppo sono POVEROH! Bella Matteo n#1

  • Reply Pietro Peca February 11, 2020 at 8:53 pm

    Grande Matteo….

  • Reply Nicola Morandini February 11, 2020 at 9:00 pm

    Complimenti per la chiarezza!
    Davvero..

  • Reply Eleonora Ruggeri February 11, 2020 at 9:04 pm

    E per il tempo di ricarica? E le colonnine di ricarica che ok adesso bastano ma dopo???
    E comunque penso che non serve mettere fap di qua fap di là spegnimentocilindri e tutte le diavolerie per “inquinare” meno visto che la percentuale dell’ emissione di Co2 delle auto non è nulla rispetto a navi, aerei, riscaldamenti,ecc…tutta questione di soldi, far cambiare auto da euro 1 a 2 a 3 a 4 ecc…
    Non sono il problema del riscaldamento globale(e anche su questo avrei da dire qualcosa).
    Questo è quello che pensò sull’elettrico e le auto di oggi, peace😉✌🏻

  • Reply Mirco Casadei February 11, 2020 at 9:07 pm

    Ciao Matteo, come sempre è un grandissimo piacere guardare i tuoi video, se oltretutto un ottimo insegnante. Avanti così! Sempre un caro saluto a te e Arisa da Rimini.

  • Reply Marco Moccia February 11, 2020 at 9:19 pm

    MATTE bella li'….Tesla da zero ha sempre concepito l'auto elettrica per eccellenza…tutte le altre auto poverine …la inseguono con la caratteristica di auto con motore termico…senza motore termico ma con batterie sul fondo del pianale, hanno tante cose superflue cazzate di ogni genere ma non sono mai state studiate da zero. quindi ovviamente meno peso più' percorrenza….Tesla insegna!vedrai che con le Gigafactory ce ne saranno delle belle a differenza di tutte le altre case automobilistiche!!!

  • Reply Gesu Dio February 11, 2020 at 9:28 pm

    Vi dico perché il gasolio non finirà. Presto .(stano facendo ancora le guerre pe il petrolio )Quindi non finirà presto ,quando smetteranno di fare la guerra allora il petrolio è finito

  • Reply Stinger 3 February 11, 2020 at 9:36 pm

    Ti faccio i miei complimenti, hai spiegato il tutto in maniera molto semplice e facile da capire, sei molto simpatico e a modo.
    Sopratutto pur avendo un'auto elettrica mi sembri onesto e non cerchi di portare l'intero ragionamento al tuo "mulino".
    Personalmente oltre alle batterie,lo smaltimento,il peso,ecc secondo me una delle più grandi incognite è dove trovare l'enorme energia necessaria per ricaricare le elettriche su larga scala, premettendo che le fonti debbano essere per forza di cose tutte green.

  • Reply peter pan February 11, 2020 at 9:46 pm

    il problema più grande sarà la capacità di produzione e trasporto dell'energia elettrica, oltre alla tassazione che ne deriverà. inoltre i mezzi commerciali dovranno proseguire con i motori endotermici per parecchio tempo.

  • Reply gabriele perucchini February 11, 2020 at 10:05 pm

    bravo
    soprattutto perché non sei un fanatico dell'elettrico

  • Reply StradeDiSardegna February 11, 2020 at 10:14 pm

    Un paio di suggerimenti.
    I motori termici hanno quel rendimento solo in un ristretto campo di funzionamento, in altre situazioni è molto più basso, persino zero 🙂 Quindi un valore più realistico nell'utilizzo "normale" è tipicamente intorno al 20%.
    Il "serbatoio" elettrico è molto più ingombrante e pesante di quello chimico, ma per il gruppo motopropulsore (drivetrain) avviene il contrario, quindi si ha una parziale (attualmente) compensazione.
    Le ore si indicano con h (minuscola), non con H :))

  • Reply Alberto February 11, 2020 at 10:24 pm

    ciao Matteo grande visione generale.
    Marchionne non è mai stato a favore dell'elettrico,
    chi vivrà vedrà

  • Reply ettore tomaselli February 11, 2020 at 10:28 pm

    bravo

  • Reply Emilio Rossi February 11, 2020 at 10:40 pm

    Ci saranno sempre più blocchi alla circolazione e disincentivi al motore termico, non andranno avanti ancora a lungo. la vera sfida sarà tra batterie e idrogeno, e una versione ibrida dei 2

  • Reply Roby Dylan February 11, 2020 at 10:41 pm

    Si, ma…quanto pesa un motore termico da, diciamo, 2000 di cilindrata e quanto pesa invece uno elettrico come quello della Model 3? E quanto pesano tutti i componenti necessari (trasmissione, ambio, ecc.) per far andare un auto a combustione?

  • Reply sciroccopaura February 11, 2020 at 10:47 pm

    Ottime argomentazioni!!!grazie!! Non hai accennato solo a una cosa…. Il fattore emozionale che è capace di dare il sound del motore a scoppio agli appassionati 🤔😅😅e soprattutto… Secondo te i costruttori si inventeranno qualche escamotage sulle auto elettriche per creare una sorta di sound?????

  • Reply Sandro T February 11, 2020 at 10:57 pm

    La fonte di energia alternativa ai combustibili fossili e alle batterie elettriche esiste già.

    Ce l'abbiamo sotto gli occhi tutti i giorni, ma proprio per questo non ce ne accorgiamo.

    E' la propulsione a pianta grassa.

    E' la Green Propulsion della Vespa gialla che hai sulla scrivania.

  • Reply Gianni Ricci February 11, 2020 at 11:28 pm

    Interessante Matteo. Bravo.
    Permettimi una cosa però, un vero YouTuber che si rispetti dovrebbe mettere in descrizione il link per acquistare la "lavagna" e i pennarelli. 👍😹😹😹😹

  • Reply Francesco Marco Bartolotta February 12, 2020 at 1:23 am

    Ci credi che sto guardando questo INTERESSANTISSIMO video con mia moglie? ok non ci credo neppure io…. si scherza ovviamente ma comunque spiegato bene…..P.S. nuovo concetto di video scacciafi….glie

  • Reply e p February 12, 2020 at 1:26 am

    ammettendo che si vendano moltissime auto elettriche in un prossimo futuro che prospettive ci sono per l'approvvigionamento energetico?

  • Reply Diego February 12, 2020 at 2:56 am

    Matteo io penso che tu sia una persona molto coerente, e cio lo apprezzo molto , non sei come gli altri che elogiano solo l'elettrico ma ne evidenzi anche i " Difetti"
    personalm. non mi piace l'elettrico per via dell'autonomia e i tempi di ricarica viaggiando di continuo per lavoro. Ma apprezzo davvero la tua trasparenza bravissimo 😀

  • Reply Giancarlo Gargiulo February 12, 2020 at 6:10 am

    Credo che sviluppare motori termici che devono avere almeno una durata di 6/7 anni che hanno catalizzatori e motori che anno dopo anno essere sempre più puliti per le severe norme antinquinamento comporti un aumento dei costi del costruttore stesso. In pratica il catalizzatore deve avere più sensori e filtri speciali che riducono i gas, il motore deve lavorare e quindi avere pezzi sviluppati ad hoc per lo scopo di inquinare il meno possibile, quindi avere più pezzi , più centraline, risultato che con gli anni dalle marmitte uscirà sempre una piccola quantità di gas e che comunque continuando a sviluppare motori termici comunque non si potrà mai arrivare a far uscire acqua dalla marmitta.Le batterie già di per se oggi hanno zero emissioni, sviluppare tecnologia delle batterie a più senso perché le si può rimpicciolire ed alleggerire quindi aumentare L autonomia di qualsiasi veicolo .Le fabbriche producono CO2 anche dai motori termici, da 2000 pezzi e 1000 fornitori si produce CO2 la costruzione di batterie produce CO2 ma con molto meno pezzi rispetto a un qualsiasi termico.Ogni fornitore di pezzi tipo radiatore viene prodotto con energia sporca , meno pezzi ci sono meno inquinamento si produce, e l’auto elettrica ne a veramente pochi , quindi secondo voi ai costruttori di auto conviene sempre sviluppare auto termiche ancora tra 5/10 anni???

  • Reply goose cat comunication February 12, 2020 at 6:17 am

    Quanto pesa una batteria da 75 kw ??? Non meno di 500 kg
    Il vantaggio delle batterie e che L energia stoccata viene comunque sfruttata al 80 per cento
    Il gasolio o benzina rendono se va bene rende il 30 per cento
    Per raffronto sulla mia e bike la batteria da 750w pesa quasi un terzo del peso della bici che a vuoto pesa 15 kgscarsi

  • Reply goose cat comunication February 12, 2020 at 6:20 am

    Probabilmente i costi saranno comunque proibitivi e di fatto e il cane che si morde la coda
    Poi mi sbaglierò
    Io direi che L idrogeno a fuelcell potrebbe esser

  • Reply gnanca pi February 12, 2020 at 7:37 am

    ma infatti l'elettrico … tesla almeno , per il futuro progetta mostri da 40 se non 50 quintali …. vedi cybertruck

  • Reply Luca Granese February 12, 2020 at 8:12 am

    Scusami ma il discorso sul costo mi sembra fondamentalmente sbagliato. Quando si cerca una nuova auto si fa un forte rapporto qualità prezzo e soprattutto previsioni di spesa. Non voglio farti i conti in tasca ma il mio stipendio o quello dei miei colleghi, che siamo fan della tesla, non ci permettono ad oggi neanche di poter entrare in concessionario. Certo l'innovazione tecnologica porterà sicuramente un abbassamento dei prezzi ed a un miglioramento delle prestazioni, ma uno sforzo da parte dei costruttori e degli stati sarebbe anche significativo. Capisco l'immagine dell'auto non come singolo mezzo per andare da A verso B, ma devi anche capire che non tutti abbiamo un portafoglio per poter affrontare certe spese, altrimenti ci sarebbero sicuramente molte più auto elettriche in giro . Per il resto grande spiegazione dettagliata e puntuale, anche se il rendimento di una batteria non è mai al 100%

  • Reply Giorgio Franchino February 12, 2020 at 8:34 am

    Diesel forever

  • Reply The Judge February 12, 2020 at 8:56 am

    Ad oggi quale sarà il futuro certo del tipo di alimentazione del'auto non lo sanno nemmeno le case costruttrici

  • Reply Matteo Richeldi February 12, 2020 at 9:49 am

    Tombini elettrici!😁😁😁 segui per caso Greg Garage?😁🔝

  • Reply FranzGarage di GianFranco February 12, 2020 at 10:20 am

    Matteo, inizialmente il video mi ha terrorizzato, quando ho visto un'introduzione degna del Giullare Cartonato, poi ti sei riscattato ed il video è stato come sempre interessante, tuttavia, da informatico molto legato al settore auto e conoscendo le dinamiche interne di alcuni costruttori, (ho contribuito ad esempio alla realizzazione della fabbrica Dodge in Canada, ai tempi di DaimlerBenz) ritengo che i costruttori non si impegnino a sufficienza nel settore elettrico perché vorrebbero poter operare nella loro Comfort Zone e mantenere lo Status Quo più a lungo possibile.  
    A causa dell'obbligo di contenimento delle emissioni C02 imposto dai governi, anziché dirottare gli investimenti sullo studio della trazione elettrica nei suoi vari aspetti, essendo in terribile ritardo, si sono spostati tutti sull'ibrido, più semplice da realizzare con le conoscenze, gli impianti e le tecnologie già acquisite, ma una vera e propria truffa, per l'ambiente, per i consumatori ed i governanti ignoranti che riservano incentivi anche a questi accrocchi, ecologici fasulli.
    Sulle MildHybrid non voglio neppure esprimere un commento. 
    Quanto più i consumatori comprenderanno dove ci sta portando il consumo di combustibili fossili e si orienteranno rapidamente all'acquisto di vetture elettriche, quanto più i produttori saranno costretti a modificare le proprie strutture e la propria programmazione per la sopravvivenza, investendo nella ricerca sulla trazione elettrica. 
    Più investimenti e risorse si dedicano, in qualsiasi settore, più rapidi sono i miglioramenti e le scoperte. La storia ci insegna.
    In ogni caso siamo in presenza di una grande rivoluzione epocale nessuno è davvero in grado di conoscere come si evolverà il futuro, essendo troppe le variabili, inesistenti in precedenza. 
    Se sei riuscito a leggere tutto, ti ringrazio, so quanto sei impegnato ed in più mi scuso per l'occupazione del tuo spazio 😉😁

  • Reply Paolo rossi February 12, 2020 at 11:34 am

    un'altra considerazione tu hai paragonato un auto che produce energia a una che la immagazzina son cose totalmente diverse il conto energetico che hai fatto non ci sta dunque

  • Reply Antonio Del Cogliano February 12, 2020 at 11:51 am

    Hai spiegato molto bene il tutto, sono convinto anche io di ciò che sostieni.
    Sono solo un po' scoraggiato dal fatto che ancora le auto elettriche sono davvero eccessivamente costose, hai ragione, se non si comprasse la macchina anche un po' "col cuore" avremmo tutti il pandino, però vedi molti italiani hanno macchine a benzina/diesel di un costo che non supera i 15 mila euro, la mia famiglia compresa, io Guido una punto a benzina del 2011.
    Sono molto entusiasta dell'elettrico, sono convinto sia la giusta strada su cui investire, anche se come ogni cambiamento deve avvenire in maniera graduale, inoltre sono uno smanettone e adoro questo genere di cose, se avessi i soldi in tasca andrei a comprarmi un'auto elettrica oggi stesso.
    Mi auguro solo che appunto i prezzi calino, perché, a meno di incentivi che non sono presenti in tutte le regioni, anzi in una netta minoranza, i prezzi sono ancora proibitivi per molte famiglie, come la mia.
    Vivo in Umbria e di incentivi regionali non ce ne sta nemmeno l'ombra, almeno sul prezzo d'acquisto, spero che ci attrezzeremo al più presto.
    Dopodiché sono fiducioso nel futuro, nell'evoluzione tecnologica e quindi nell'abbassamento dei prezzi, e spero che l'auto elettrica diventi finalmente l'auto di massa, con fasce di prezzo e modelli per portafogli diversi. Detto questo tanti saluti e grande, guardo da poco i tuoi video, sei bravo vai così 🙂

  • Reply Massimo Rampiconi February 12, 2020 at 11:51 am

    Secondo il mio modesto parere il momento storico in qui viviamo ibrido plugin e la soluzione migliore

  • Reply parakito67 February 12, 2020 at 12:00 pm

    Premesso che un motore a combustione non potrà più migliorare significativamente come rendimento rispetto ad ora .
    Salvo complicazioni assurde alle quale già stiamo assistendo , con ovvio rischi di rotture costosissime .
    .
    Per come la vedo io, deformazione professionale .
    La semplicità paga sempre .
    Un motore elettrico per trazione neppure può migliorare molto .
    Mentre elettronica e soprattutto batterie , il margine è altissimo .
    Tutto è semplice in realtà .
    Serve una potenza minima per eseguire certi lavori , se la tecnologia le renderà portatile , allora si farà .
    Vedi gli aspirapolvere , 5 anni da nessuno ci avrebbe scommesso un euro in quanto si tratta di un attrezzo che consuma davvero molto .
    Oggi sono una realtà , tanto da soppiantare quelli a filo .
    Fra altri 5anni ?
    Di sicuro il diesel non migliorerà di rendimento .
    Tutto il resto si .
    Per questo se devo scommettere oggi su una tecnologia , non ho dubbi .
    Ma mi pare che anche le grandi case automobilistiche fanno lo stesso ragionamento.
    Da tenere presente , che se anche rendessero gli scarichi autotrazione puliti da potere respirarli senza morire , rimane sempre l'inquinamento termico di questi mezzi che di fatto sono temosifoni viaggianti .
    E contribuiscono ad alzare la temperatura del pianeta , con i disastri che incominciamo a vedere sempre più spesso e sempre più gravi .

  • Reply Dr. Lexus February 12, 2020 at 12:03 pm

    Ottimo Matteo, un'analisi non Tesla/EV-Pravdiana della questione.

    Chi fosse interessato ad immergersi nella visione teslomunista, l'organo ufficiale del partito è Tesla-Pravda non disponibile nella edizione cartacea, ma disponibile online in lingua inglese al sito Teslarati (versioni light sono anche Elektrek e insidevs.com).

  • Reply Alfa Giulia February 12, 2020 at 12:04 pm

    Questo video sembra fatto per il mio commento del litio ahah

  • Reply marco comini February 12, 2020 at 12:30 pm

    Bravissimo Matteo, candidato per tg2 Motori, chiaro e onesto in queste "comparative" uno dei migliori senza dubbio…un occhio attento e obiettivo sul tema mobilità elettrica e non.

  • Reply Total War Softair February 12, 2020 at 1:26 pm

    In pratica, ad oggi un pacco batterie auto completo pesa circa 1000 kg, questo vuol dire che le auto tesla, al netto delle batterie pesano davvero poco.

  • Reply Total War Softair February 12, 2020 at 1:29 pm

    14:30 la depressione negli occhi dopo aver detto Fiat Panda

  • Reply MrRobyweb February 12, 2020 at 3:08 pm

    interessante!

  • Reply Mariano Bonino February 12, 2020 at 4:11 pm

    Devi mettere peró anche il volume ed il peso del motore termico, + il cambio e il peso dello scarico che pesa circa 50 kg. Poi il peso specifico del gasolio è di 0,850, la benzina pesa circa 0,73/5

  • Reply renandroid75 February 12, 2020 at 5:00 pm

    Il motivo principale non solo delle auto elettriche é il prezzo . Se costassero meno a nessuno interessa peso ed efficenza.

  • Reply renandroid75 February 12, 2020 at 5:03 pm

    Per me coesisteranno sempre tutti i tipi di carburante benzina diesel metano gpl elettriche ibride

  • Reply Enrico February 12, 2020 at 5:25 pm

    Grazie Matteo bel video me lo sono gustato

  • Reply WILD ROADS February 12, 2020 at 6:05 pm

    Ma non capisco il problema…c'è ne sono tante auto elettriche di vari modelli…le hanno costruite comunque con 5 posti di media e tanto di bagagliaio. che io sappia progettare un auto elettrica ha costi bassi ed è più facile delle auto endotermiche…così è stato detto dagli ingegneri delle auto elettriche.

  • Reply HELY30 February 12, 2020 at 6:17 pm

    Ciao Matteo, trovo molto interessante il video. Io credo che ad oggi il problema principale è la mancanza di capillarità della rete di ricarica. Se escludiamo Tesla che ha una sua rete, le altre non sono così estese e capillari. Io che sono un commerciale e lavoro in tutta non potrei acquistare una macchina elettrica se non una testa. I prezzi di quest'ultima sono però ancora proibitivi e soprattutto non le trovi in full rent.

  • Reply paolo perilli February 12, 2020 at 7:55 pm

    Secondo me non vengo acquistate auto elettriche perché i tempi di ricarica sono ancora molto lunghi. Mi spiego. Posso anche avere un'auto con poca autonomia, se riesco a caricare le batterie in due minuti. Non tutte le auto con motore termico percorrono molti km con un pieno, ma hanno dalla loro parte i tempi di rifornimento.

  • Reply Mattia Caps February 12, 2020 at 8:58 pm

    Ciao Matteo, bel video ma a proposito di green…per le prossime volte potresti usare una lavagna piuttosto che dei fogli usa e getta? 🙂

  • Reply Francesco Raffaele Liguori February 12, 2020 at 9:00 pm

    Grande Matteo! Disamina perfetta e imparziale!!! rimane però il problema dello smaltimento delle batterie in uso, spero farai un video in proposito…

  • Reply Alessandro Scalise February 12, 2020 at 9:15 pm

    Peto involontario a 2:43? Ahahahahah

  • Reply Marco Francini February 12, 2020 at 9:24 pm

    Mi hai distrutto psicologicamente, volevo acquistare una Panda ma me la hai declassata. Quindi mi tengo la mia Zoe. E visto che hai messo una buona parola sul termico mi tengo pure la mia vecchia 997 S che inquina un botto ma fa ancora la sua porca figura

  • Reply ERDUCADEROMA February 12, 2020 at 9:50 pm

    La differenza tra un adulto e un bambino (quando parli di giocattoli) é il prezzo del giocattolo

  • Reply MAU RHO February 12, 2020 at 10:03 pm

    Ad ogni modo c'è un peso dove le elettriche sono più leggere e cioè quello delle vendite (in Italia) , 0.5% nel 2019 e con gli incentivi statali. Si insomma, i fanatici dell'endotermico possono dormire sonni tranquilli ancora per molto tempo e possibilmente senza rompere troppo i maroni a chi le auto le elettriche le compra e ne è soddisfatto, nonostante tutte le carenze italiane. 😉

  • Reply Marcy85Brescia February 12, 2020 at 10:26 pm

    Bellino questo video in stile lezione concreta, bravo. interessante. hai fatto capire bene. Io avendo lasciato la Yaris Hybrid e salutando il gruppo relativo ho alzato un polverone, sembra che abbia acquistato un'auto demoniaca passando al gasolio…. però ad oggi è ancora una valida alternativa se si fa tanta strada. Le elettriche hanno ancora i vari svantaggi che hai fatto notare in primis io non potevo sostenere il costo stesso di base, altrimenti ne avrei presa una 🙂 Cmq la mia nuova amiKona è arrivata in da soli 3gg ed ancora non ho realizzato

  • Reply devix195 February 13, 2020 at 3:00 am

    Dai Matteo, fai i video alla tua portata. Non ti serve “ispirarti” a Engineer Explained…

  • Reply TRIBIA_MARCO February 13, 2020 at 5:15 am

    Chi dice che un auto elettrica è un tombino……di certo non capirà mai i calcoli che hai fatto….cervello limitato…..comunque un economia basata sul petrolio….farà di tutto per bloccare l elettrico….o comunque la farà sempre sembrare limitata…..i brevetti elettrici….possono essere comprati per farli sparire

  • Reply Roby Watch February 13, 2020 at 7:41 am

    Ottima disanima … complimenti ma il problema non è tanto la capienza il vero problema sono i tempi di ricarica ….. anche una batteria da 250 km piccola ma che si ricarica in 2 minuti sarebbe gia la soluzione ma non sarà mai così ecco perché la macchina elettrica ha senso solo per chi fa’un uso prettamente cittadino …..

  • Reply Gaetano Crisci February 13, 2020 at 9:06 am

    Bravissimo hai colto esattamente il punto.

  • Reply Bruj February 13, 2020 at 9:41 am

    Secondo te con una carrozzeria completamente ricoperta da pannelli solari quanti si potrebbe ricaricare tenendola parcheggiata al sole?

  • Leave a Reply